Italian Afrikaans Albanian Arabic Armenian Azerbaijani Basque Belarusian Bulgarian Catalan Chinese (Simplified) Chinese (Traditional) Croatian Czech Danish Dutch English Estonian Filipino Finnish French Galician Georgian German Greek Haitian Creole Hebrew Hindi Hungarian Icelandic Indonesian Irish Japanese Korean Latvian Lithuanian Macedonian Malay Maltese Norwegian Persian Polish Portuguese Romanian Russian Serbian Slovak Slovenian Spanish Swahili Swedish Thai Turkish Ukrainian Urdu Vietnamese Welsh Yiddish

Offerte per "La Prima Casa del Povero della Strada" IBAN: IT06X0335967684510700171612

www.colledelbuonpastore.org

www.colledelbuonpastore.com

www.colledelbuonpastore.net

Premessa ai Messaggi
I messaggi di Gesù e Maria
Rivelazioni
I Libri del Dire di DIO

Pict0003Pict0002
Gesù ci dice:
"Siano divulgati tutti i Libri tramite internet e pubblicati come Io ho chiesto!"
I Libri sono i dettati di Gesù e di Maria a Myriam, scrivana e ancella di Dio.
"Gesù parla al Suo popolo" - "Gesù annuncia al Suo popolo il Suo Ritorno".

I  Libri dell'  "'OPERA DI DIO"

2002/2003 "Gli Angeli che trasmettono"

2004 "La Chiave dell'Amore Divino"

2005 "Il seme dell'Amore"

2006 "La vita continuerà oltre la vita"

2007 "Rivelazioni di Gesù"

2008 "Il Mio Cuore Immacolato trionferà"

I Libri attualmente stampati sono relativi agli anni 2002/2003, 2004 e 2007.

I Libri dell' "Opera di Dio", possono essere richiesti direttamente attraverso e-mail a:  gesu.maria@alice.it



Gesù ci dice: figli Miei, dite che GESU' E' DI RITORNO, che la Sua misericordia cadrà sui Suoi figli,su tutti coloro che Lo riconoscerannoQuale Unico e Vero DIO d'Amore!!!

Carbonia attende l’aiuto!

=========================================================

1986 Medjugorie - Visione di Gesù Cristo Crocefisso

1986- l’Apparizione di Gesù Cristo Crocefisso in carne e ossa.
 

Vi abbiamo raccontato della visione di Gesù e di Maria apparsi in una Stella luminosa e più lucente del Sole, che si trovava poco sopra il Sole stesso.
Adesso proseguiamo la storia di questo Pellegrinaggio che Myriam fece con un gruppo di amiche spirituali, anch’esse coinvolte dalla precedente apparizione, tranne una, quella che aveva apostrofato Myriam di essere una visionaria.

Il giorno successivo all’apparizione di Gesù e Maria nella Stella, Myriam si trovava da sola in quello stesso punto del giorno precedente, ossia nel piazzale antistante alla Chiesa, ed era andata a sedersi nella medesima panchina del giorno precedente, quella vicino all’aiuola, dove si innalza la statua della Madre Santissima.
Myriam recitava il Santo Rosario; davanti a se la natura circostante e il silenzio dominavano la scena, un mondo di pace e di creata bellezza che nutriva la preghiera e il cuore di tanto amore e di tanta spirituale intimità.

Myriam, totalmente abbandonata all’amore di Dio, pregava, invocava e supplicava umilmente: “Oh Mio Signore quanto desiderio di Te! Oh mio Buon Gesù…, Gesù, Gesù…!” Era felice, molto felice; aveva fatto deserto attorno a se, gustava quella grande grazia, diventata infinita intimità con Gesù, e che Gesù Le faceva dono.

Attorno a se l’ambiente era colorato e intonato al clima spirituale. Il cielo era di un azzurro tenue e il sole lasciava trasparire una luce bianca che pareva di contemplare una grande Ostia: tutto era molto bello!
Myriam scrutava avidamente tutto quello che si presentava ai suoi occhi: pace, amore e serenità.
Improvvisamente, sul lato sinistro del sole le apparve un’asse trasversale e su questo asse vide aggiungersi un’altra figura: un braccio e poi una testa coronata di spine, reclinata verso il lato sinistro.
Con il cuore impazzito, piena di tremore, ebbe un forte sussulto; balzando subito in piedi, accentuò la sua osservazione. Non volendo credere ai suoi occhi, si allontanò con il capo chino, pensando di non sentirsi bene; fece un breve giro nella piazza.
Ritornata poco dopo sui suoi passi, perché questo era il disegno di Dio per Lei, si ritrovò nuovamente seduta sulla panchina con il proponimento di continuare il suo Rosario.
La pur breve esperienza che aveva appena osservato, le aveva trasmesso un pò di timore, aveva paura di sollevare lo sguardo verso il cielo, e invece, così doveva essere, e cosi fu! Disorientata e stupita i suoi occhi videro! e videro…
…e videro GESU’ IL CROCIFISSO IN CARNE E OSSA DAVANTI A LEI. LA SUA CROCE PARTIVA DAL CIELO E SI APPOGGIAVA ALLA TERRA, ERA GRANDISSIMA, E LUI, GESU’, LA GUARDAVA SENZA DIRE UNA PAROLA…
Il Suo Volto, il volto di Gesù era reclinato sul lato sinistro della Croce, alla parte del cuore, era molto sofferente, guardava Myriam ma non diceva nulla.
Impietrita e senza parole, Myriam non riusciva nemmeno a pensare, stordita turbata e confusa per quanto accadeva e più ancora per tanta grazia, fortemente commossa, cominciò a piangere.

Quante lacrime e quanta indescrivibile emozione.
La gioia dentro il suo cuore pieno di Gesù era così tanta che stringendosi tutta a sé, esortava Gesù, perché Le facesse capire il significato di quei Segni, di quell’apparizione: Che cosa voleva Gesù da Lei? Che cosa significava quella manifestazione? E perché riservarla proprio a Lei? Myriam non capiva, si interrogava, ma non trovava risposte.
Col senno di poi, oggi, possiamo capire e dare la giusta risposta alla domanda: perché proprio a Lei? Come abbiamo già detto altre volte, Dio voleva preparare la Sua Creatura, la Sua Veggente al Suo disegno di salvezza per l’Umanità, affrancando Myriam nella consapevolezza che era ed è proprio Dio che si manifesta a Lei.

Quell’apparizione durò molto a lungo, tanto! seppur non si può dire quanto; tanto, perché molto fu il tempo che Lei rimase lì, incantata stupita e affascinata da quella meravigliosa visione.
Osservare Gesù, condividere Gesù nella Sua grande Croce, vedere Gesù, vivere Gesù come mai aveva sperimentato, Myriam sentiva il suo cuore traboccante d’amore infinito, non avrebbe mai opposto a Lui alcuna resistenza, si sentiva tutta Sua, era tutta Sua, e tutto avrebbe fatto quanto il disegno di Dio Le avrebbe comunque riservato per il futuro.